Logohandysolution

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità

​Iscriviti alla Newsletter

30/05/2019, 16:49

Carta del docente, docenti di ruolo, bonus 500 euro, Hardware e software, Ministero dell'Istruzione



Come-acquistare-con-Carta-del-Docente?


 Carta del Docente è un’iniziativa che prevede un bonus all’anno di 500 € per docenti di ruolo per la propria formazione e per l’aggiornamento!



La carta del docente è una recente iniziativa voluta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. 
Questo progetto prevede l’assegnazione di un bonus di 500 euro, per ciascun anno scolastico, ai docenti di ruolo delle Istituzioni Scolastiche Statali per la formazione e l’aggiornamento professionale. 
È possibile utilizzare il buono per l’acquisto di hardware, software, libri, riviste, ingressi nei musei, biglietti per eventi culturali, teatro e cinema o per iscriversi a corsi di laurea e master universitari, a corsi per attività di aggiornamento, svolti da enti qualificati o accreditati presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Ciascun insegnante in possesso delle credenziali SPID può accedere al portale di Carta del Docente, consultare la propria area personale e generare il proprio buono da utilizzare in seguito. Come acquistare con Carta del Docente da Handy Solution? È semplice e veloce. Infatti dopo aver consultato il catalogo dei nostri prodotti sul sito web, potete generare il buono dell’importo corrispondente al valore del prodotto che si vuole acquistare, accedendo al portale di Carta del Docente nella propria area personale. È necessario selezionare la voce "Esercizio fisico", poi "Hardware e software". Una volta generato il buono sul portale di Carta del Docente, bisogna contattarci telefonicamente allo 0522 1607058 oppure tramite e-mail a sales@handysolution.it e comunicarci il codice del buono generato. Non appena il nostro negozio ha validato il buono, potrete ritirare il dispositivo presso i nostri uffici, oppure vi verrà spedito direttamente al vostro domicilio!
01/04/2019, 14:52

Reddito di cittadinanza, Decreto Leggere, Disabilit



Disabilità-e-reddito-di-cittadinanza


 Anche i disabili possono richiedere il reddito di cittadinanza!



Disabilità e redditodi cittadinanza 

Ormai, un argomento di cui si parla quotidianamente, èsicuramente il reddito di cittadinanza. 
Con il Decreto Legge n. 4 entrato in vigore il 29 gennaio2019, sono stati stanziati i fondi e le risorse per il reddito di cittadinanzache più precisamente riguarda i disoccupati e i pensionati al di sotto dellasoglia di povertà assoluta. 
È bene precisare che il decreto legge non va ad aumentare lepensioni o gli assegni di invalidità civile, cecità, sordità. I relativitrattamenti rimangono invariati.
In questo articolo piuttosto capiremo quale impatto ha ilreddito di cittadinanza sulle persone con disabilità. Per comprenderlo ènecessario conoscere le premesse, gli strumenti e i meccanismi.Il reddito di cittadinanza è inteso come misura unica dicontrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale e l’obbiettivoè quello di favorire il diritto all’informazione, all’istruzione, allaformazione, alla cultura attraverso delle politiche volte al sostegno economicoe all’inserimento sociale dei soggetti a rischio di emarginazione nella societàe nel mondo del lavoro." Il primo passo per ottenere il reddito di cittadinanza ècapire se si hanno i requisiti sottoelencati per richiederlo, cioè: 
- Essere cittadiniitaliani, europei o lungo soggiornanti e risiedere in Italia da almeno 10 anni,di cui gli ultimi 2 in via continuativa; 
- Avere l’ISEEinferiore a 9.360 euro annui; 
- Possedere un patrimonioimmobiliare, diverso dalla prima casa di abitazione, fino ai 30.000 euro annui; 
- Possedere un patrimoniomobiliare (liquidità) non superiore a 6.000 euro (accresciuto di 2.000 euro perogni altro componente il nucleo familiare oltre il primo, fino ad un massimo di10 mila euro, incrementato di 1.000 euro per ogni figlio oltre il secondo. Imassimali sono poi ulteriormente aumentati di 5 mila euro per ogni componentefamiliare con disabilità. 
- Possedere un patrimoniofinanziario non superiore a 6.000 euro che può arrivare fino a 20.000 Euro perle famiglie con persone disabili.Inoltre nessun componente deve essere intestatario diautoveicoli immatricolati la prima volta nei sei mesi antecedenti la richiestao motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati la prima voltanei due anni antecedenti la richiesta ovvero di autoveicoli di cilindratasuperiore a 1.600 cc, nonché motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc,immatricolati la prima volta nei due anni antecedenti, fatti salvi gliautoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale infavore delle persone con disabilità ai sensi della disciplina vigentePer poter accedere al contributo del reddito dicittadinanza, oltre ai requisiti di reddito i beneficiari hanno degli obblighi,ovvero impegnarsi per la ricerca di una occupazione e partecipare alleiniziative formative e ai progetti utili per la comunità, predisposti daiComuni. Il primo obbligo è quello di sottoscrivere il patto per il lavoro o ilpatto per la formazione ed accettare un’offerta di lavoro su tutto ilterritorio nazionale.Per le famiglie con persone con disabilità, le offerte dilavoro non potranno mai superare i 250 km.È esonerato dal sottoscrivere un patto di lavoro chi ha unadisabilità tale da non consentire un accesso al mondo del lavoro oppure igenitori che assistono figli con meno di 3 anni o non autosufficienti o congrave disabilità, come definiti a fini ISEE.
08/10/2013, 12:53

News, Servizio Sanitario Nazionale, Nomenclatore Tariffario, Gazzetta Ufficiale, Protesi, Ausili, SSN, codici ISO



Nuovo-Nomenclatore-tariffario


 Novità del nuovo Nomenclatore Tariffario. Cos’è e com’è composto. Come fare per richiedere un servizio o un ausilio gratuito al Servizio Sanitario Nazionale.



Il Nomenclatore Tariffario è l’elenco delle prestazioniprotesiche e degli ausili erogabili gratuitamente dal Servizio SanitarioNazionale. 

È l’organo del Ministero della Salute che emana e aggiornaperiodicamente questo documento; tra l’altro stabilisce quali tipologie diprotesi e ausili sono a carico del SSN (art. 5) e quali sono le modalità dierogazione di quest’ultimi (art.17). 

Il Nomenclatore Tariffario attualmente in vigore, (informalmentechiamato "Nuovo Nomenclatore") è quello pubblicato il 18.03.2017 sulla GazzettaUfficiale della Repubblica Italiana, prestabilito dal Presidente del ConsiglioGentiloni. 
Questo documento è nient’altro che un aggiornamento delnomenclatore tariffario precedente, stabilito dal DM 332 del 27.08.1999.Include novità per quanto riguarda l’assistenza protesica e gli ausili per idisabili, inclusi i dispositivi provvisori, temporanei e di riserva erogabilidal Servizio sanitario nazionale (di cui all’art. 18, commi 2 e 3). 
 In questo documento, troviamo gli ausilie le prestazioni, con affianco i riconducibili codici ISO, così suddivisi: 

 - Elenco 1: includele protesi e le ortesi costruite su misura da un professionista sanitario e le prestazionidi manutenzione, riparazione, adattamento o sostituzione di componenti diciascuna protesi o ortesi;  
 - Elenco 2 A: includegli ausili tecnologici di fabbricazione continua o di serie che, a garanziadella corretta utilizzazione da parte dell’assistito in condizioni disicurezza, devono essere applicati dal professionista sanitario abilitato;  
 - Elenco 2 B, includegli ausili tecnologici difabbricazione continua o di serie, pronti per l’uso, che non richiedono l’applicazioneda parte del professionista sanitario abilitato. 
Di seguito è possibile scaricare ildocumento riportato dalla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana(cliccare pulsante download).

Per richiedere una prestazione o unausilio presente nell’elenco del Nuovo Nomenclatore tariffario, c’è unaprocedura ben definita a cui bisogna attenersi ed è la seguente: 

 1. Innanzitutto,per richiedere l’erogazione dei dispositivi e dei servizi, è necessariorientrare nelle categorie dei destinatari interessati disciplinati dall’art. 18del Nuovo Nomenclatore tariffario; 
 2. Bisognaaffidarsi ad un medico specialista prescrittore dell’Azienda Sanitaria Locale diresidenza dell’assistito per stilare la prescrizione basandosi sul ricettariostandardizzato del SSN. Inoltre è necessario che l’assistito richieda ipreventivi a 3 aziende abilitare a quella fornitura; 
 3. A questo puntol’Azienda Sanitaria Locale, verificherà che il richiedente ha dirittoall’erogazione, che è presente la prescrizione e procederà con l’autorizzazionedel preventivo; 
 4. Infine bisognafar presente al medico specialista prescrittore la fornitura erogata per ilcollaudo per cui farà una valutazione clinico-funzionale volta ad accertare lacorrispondenza del dispositivo erogato a quello prescritto e la sua efficacia.Come previsto dal precedente Nomenclatore tariffario, l’eventualedifferenza tra la tariffa dei dispositivi riportata nel Nomenclatore tariffario(prezzo a carico dell’azienda sanitaria locale) ed il prezzo dello stesso fornitodall’azienda rimane a carico dell’assistito. 



1

 

Via Ugo Foscolo, 13

Sant'Ilario d'Enza , (RE) 42049

Tel. 0522 1607058

sales@handysolution.it

 


facebook
youtube
instagram

HANDY SOLUTION @ ALL RIGHT RESERVED